Fahre\’n\’Heit

Demetrio

Posted in microStorie [Italian] by alcramer on agosto 4, 2007

Seduto sullo sgabello di legno e cuoio, guardo mia madre accucciata che, con una smorfia, mi spinge una scarpa nel piede. Mi alzo e faccio qualche passo, attento a non pestare l’asfalto. So bene che se esco dal cartone le scarpe non sono più nuove, e non si possono più cambiare. Giro intorno a Demetrio, e mi risiedo. Le scarpe del Demetrio sono un’istituzione di famiglia. Le compriamo lì da anni, alla sua bancarella d’angolo nella piazza, i lunedì di mercato. Un omone massiccio, dalle labbra carnose. Suo figlio è come lui, le due figlie solo leggermente più aggraziate. Vengono dal veronese.

Mia madre ha una fiducia incondizionata nelle sue scarpe, e le raccomanda anche a parenti e conoscenti. A pensarci è inusuale, lei, che odia terroni e vagabondi, che raccomanda gli ambulanti. I lunedì mattina d’estate vado anch’io in piazza della chiesa, e mi fermo dal Demetrio. Sembra un accampamento indiano, con quella tenda color crema tirata a mo’ di tetto e il pavimento foderato di cartoni.

Mi viene in mente la smorfia di mia madre. Digrignava i denti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: